Articoli

Cartina Esodo

Dal 23 settembre 2018 fino a giugno 2019, una sera ogni due settimane, ci incontreremo in piccoli gruppi nelle case per leggere e commentare il libro di Esodo.

L’Esodo è simile a una pietra preziosa, unica nella sua perfezione, ma molteplice nelle sue sfaccettature (Rashi).

La sua anima è il viaggio, il cammino. Esso svela una caratteristica della fede: il dinamismo, il movimento verso qualcosa, verso una mèta che non si conosce.

Al cuore del libro vi è l’alleanza stretta da Dio con Israele e, al cuore dell’alleanza, vi è il Decalogo, le “dieci parole” d’amore rivolte da Dio al suo popolo. Esodo è una rappresentazione tangibile dell’amore di Dio nel liberare e guidare il cammino degli uomini verso la terra promessa, chiamandoli a responsabilità verso tutti gli uomini. Così Gesù, Dio dell’Esodo, diventato uomo, chiama a libertà l’uomo nel e per il Regno di Dio.

Non perdetevi i nostri appuntamenti nelle case!

I gruppi in casa si incontrano:

  • a Novoli (responsabili Graziano Venturi e Elia Pasqua),
  • nel centro (responsabili Laura Biagioli e Gianluca Pomarico),
  • a Firenze Sud / Campo di Marte (Alessandra Pecchioli e Roberto Pecchioli)
  • a Novoli/Mugello (Laura Venturi e Johan Soderkvist)

Per venire al gruppo più vicino a te parla con Gianluca Pomarico (coordinatore) o con il responsabile del gruppo della tua zona.

Gruppo che studia la bibbia

Settimana prossima (25 Settembre – 1 ottobre) ripartono i nostri gruppi in casa.

Ci vedremo a settimane alterne escludendo alcune settimane sotto le varie festività per poi concludere i primi di giugno. Il calendario completo delle settimane in cui avremo i gruppi è online sul sito.

L’esatto luogo, giorno e orario del primo incontro vi sarà comunicato dai vostri responsabili di  gruppo.

Perchè abbiamo i gruppi in casa e come funzionano?

Leggendo Matt 28:18-20 e Atti 2:42-47 possiamo capire come lo scopo principale della nostra chiesa è quello di proclamare e mostrare alla città di Firenze chi è Gesù: crediamo che formare dei gruppi in casa dislocati nei vari quartieri possa avere un ruolo chiave per la realizzazione di questo scopo.

Abbiamo spesso usato il termine “cellula” come illustrazione dei piccoli gruppi che insieme compongono il corpo di Cristo, la Chiesa. Non è una nostra invenzione, comunità di ogni nazione e denominazione hanno, da tanti anni, scoperto ed utilizzato questa intuizione con grande beneficio.

Il gruppo in casa è pensato come un luogo dove c’è spazio per la comunione, la crescita personale e dove si accoglie chi è nuovo nella fede.
Nel gruppo si condivide la vita con gli altri. Lì ognuno ha la possibilità di essere preso in considerazione e ascoltato. Ognuno ha la possibilità di scoprire la Bibbia e il suo messaggio di salvezza per poi scoprire i doni che lo Spirito Santo ha messo nella sua vita e imparare a usarli per il bene del gruppo, ma anche del “corpo”, la nostra comunità.

Abbiamo pensato ad una struttura e una forma ben precisa per le nostre “cellule”. Pensiamo che sia importante che tutte abbiano lo stesso “DNA”, fermo restando che poi ognuna si svilupperà partendo dalla propria situazione unica.

Prima di tutto i nostri gruppi in casa hanno in comune il fatto di incontrarsi in modo regolare in casa di uno dei membri o in un altro ambiente che comunque sia vicino il più possibile ai membri. L’incontro avviene in un giorno e a un’ora che i membri decidono di comune accordo e l’incontro dura almeno 1 ora e mezza. Quello che caratterizza il gruppo è l’ambiente che si crea in cui le persone vengono formate per diventare discepoli di Gesù. In questo modo la visione della chiesa viene integrata e compiuta tramite e nei gruppi in casa.

Nel leggere la Bibbia usiamo un metodo induttivo che aiuta la condivisione e partecipazione di tutti:

  • Osservare >> Cosa dice il testo
  • Interpretare >> Cerchiamo le risposte nel testo
  • Individuare >> Cerchiamo il versetto chiave
  • Applicare >> Come applichiamo alla nostra vita le risposte che abbiamo trovato?

Questo anno leggeremo insieme l’ultima parte del vangelo di Matteo!