Il nostro giardino
Il nostro giardino
Il nostro giardino
Predicazioni Lettera ai Galati
Il nostro giardino
Il nostro giardino

Dopo la lunga sfilata di personaggi femminili dell’Antico Testamento, ecco che sabato 22 maggio faremo un salto nel Nuovo Testamento e conosceremo la Samaritana.

Al pozzo, quel giorno questa donna, di cui soltanto il nome e poco altro non ci è svelato, aveva un appuntamento, un appuntamento spirituale, che cambierà la sua vita e quella della sua comunità: Gesù le si rivelerà come l’acqua della vita.

Insieme ad Evangelia, che ci condurrà nella riflessione, apprezzeremo gli insegnamenti di Gesù che, tra le altre cose, toccano il tema dell’elevazione del valore della donna e dell’abolizione della separazione fra giudeo e non giudeo.

Scopriamo questo personaggio biblico femminile particolarmente significativo per la comprensione del modo in cui Dio parla attraverso le donne e facciamolo insieme on line sabato 22 maggio 2021 a partire dalle ore 17.

Link per partecipare: https://meet.google.com/vnd-ssyj-wrp

Il nostro giardino
Il nostro giardino

Carissime sorelle e carissimi fratelli, domenica scorsa siamo stati invitati a “uscire dalle nostre tende” e fortemente incitati a “sostituire” IO “trasformandolo” in NOI; ad abbandonare le nostre piccole “beghe” quotidiane e aprire sempre di più i nostri sguardi; ad osservare, con inclusione, ciò e chi ci circonda, sollevando la vista dal nostro “ombelico”.

I nostri fratelli Michael e Friday condividono con grande tristezza quella che potremmo chiamare una “giornata di ordinaria follia” accaduta in un solo giorno nel loro paese, la Nigeria.

Ecco quello che ci hanno scritto …

“I banditi uccidono otto poliziotti e due vigilantes nello stato di Kebbi. Diciannove persone uccise nello stato di Igbariam Anambra.

I rapitori uccidono due studenti della Greenfield University nello stato di Kaduna. I malviventi attaccano l’università statale di Lagos e distruggono diversi veicoli. Uomini armati uccidono nove persone intorno all’Università Chukwuemeka Odumegwu Ojukwu.

Uomini armati attaccano i soldati ad Amasiri, nello stato di Ebonyi. Il comando di area di polizia a Okigwe South è stato attaccato oggi, bruciato, cinque poliziotti uccisi. Boko Haram issa la bandiera a Kaure, nello stato del Niger. Boko Haram uccide un ufficiale e alcuni soldati a Mainok.

Uomini armati rapiscono il proprietario dell’hotel, sua moglie, tre figli, cinque ospiti e uno staff. I terroristi prendono il controllo degli spazi e delle autostrade non governate di Bornu. Spari ovunque ad Ama Hausa e Douglas Road Owerr. Un’altra formazione di sicurezza attaccata nello stato di Rivers, i soldati rimangono uccisi.

La casa di Sunday Igboho a Oyo è stata attaccata. Uomini armati rapiscono diversi studenti dell’Università di Agraria Markudi. Motociclisti Hausa e giovani yoruba combattono a Iyana-iba Lagos, vari feriti. Il palazzo di Igwe Ifitedunu nello stato di Anambra bruciato da uomini armati sconosciuti.

Ieri, uomini armati hanno sparato alla gamba del commissario statale Imo per l’imprenditorialità e l’acquisizione di competenze Iyke Umeh, e altri. L’aeronautica avrebbe sparato per errore a diversi soldati delle truppe di terra, uccidendone molti.”

Tutto questi fatti non ci lascino senza reazione; le famiglie dei nostri fratelli nigeriani sono in Patria ed è comprensibile la loro ansia e preoccupazione; la nostra supplica salga al Padre affinché interceda su questo martoriato paese, sui suoi abitanti, faccia cessare ogni forma di violenza e crudeltà; guidi le autorità costituite a scegliere il bene per il paese; Lui ripristini la pace e la legalità.