, ,

Resoconto dalla giornata “Nel Creato con Creatività”

Quella del 23 settembre è stata una giornata all’insegna della lode e del ringraziamento a Dio Creatore per la Sua creazione attraverso la creatività di cui Egli ha dotato le sue creature.

Questo il fil rouge di una giornata che abbiamo intitolato appunto “Nel creato con creatività”.

Dio, sin dalle prime pagine della Bibbia, ci appare il Creatore di ogni cosa, ma non solo: Egli, dopo aver creato, si sofferma a contemplare la Sua creazione e se ne compiace. Da allora fino ancora ad oggi, nonostante le grida di sofferenza, il creato, nell’indicibile varietà delle sue
forme, colori e profumi, dichiara l’esistenza del Dio Creatore e ne esprime la personalità.

Anche l’essere umano è stato ed è parte di questa magnifica opera d’arte, all’interno della quale partecipa ed esprime la creatività di cui è stato dotato attraverso i talenti più svariati, ne ammira la bellezza e la potenza e se ne compiace. La pittura, il disegno, il fumetto, la fotografia, la danza, il canto, la musica, la poesia, la recitazione, e persino il riciclo, l’uncinetto e la cucina sono stati alcuni dei talenti con i quali, insieme, abbiamo voluto rendere lode, onore e grazie al nostro Creatore per averci creato e donato la possibilità di partecipare,
attraverso la nostra creatività, alla Sua opera.

Invito Nel Creato Con Creatività
,

Un convegno da non perdere: Convegno Nazionale GBU 2017

Abbiamo tutti bisogno di crescere nella nostra fede e nella nostra capacità di applicarla, viverla e condividerla con gli altri. Questo è possibile se ci mettiamo davanti alla Sua Parola da soli, con altri della nostra comunità, ma anche con persone di altre comunità. Un modo per fare questo è andare a un buon campo o convegno.

Se quest’anno non siete ancora andati a un evento del genere vi suggeriamo di venire al Convegno Nazionale GBU!

Dal 7 al 10 dicembre 2017 (giovedì-domenica) a Montesilvano (Pescara)

Tre giorni in un bell’albergo con momenti di relax, di buon cibo, di buona compagnia e di ottimi studi. Potremo ascoltare Darrel Bock che ci parlerà del “MESSAGGIO DI GESÙ CRISTO IN UNA CULTURA COMPLESSA”:  Lezioni da Paolo su come interagire con la cultura, Come portare avanti conversazioni difficili, Cos’è è il Vangelo? Perchè l’amore è così importante?

Potremo anche seguire una serie di seminari intorno alla Riforma:

Massimo Rubboli:
La pluralità della Riforma

Emanuele Fiume:
Giovanni Calvino, il riformatore profugo

Alessandra Pecchioli:
Il progetto Bibbia Italiana della Riforma (BIR) nell’ambito delle traduzioni della Bibbia.

Laura Venturi:
Far brillare la luce in mezzo alle tenebre”: la collezione Guicciardini

Simone Maghenzani:
Dipanare la Riforma: con Lutero, oltre Lutero

Filippo Falcone:
Risvolti storici e artistici della Riforma nella cultura inglese del 600

Processo (dibattimento): La Riforma è superata / La Riforma non è superata
(V. Bernardi e GC Di Gaetano)

Entro il 15 ottobre c’è lo sconto!

Ulteriori informazioni sul sito gbu.it

Gruppo che studia la bibbia

Ripartono i nostri gruppi in casa!

Settimana prossima (25 Settembre – 1 ottobre) ripartono i nostri gruppi in casa.

Ci vedremo a settimane alterne escludendo alcune settimane sotto le varie festività per poi concludere i primi di giugno. Il calendario completo delle settimane in cui avremo i gruppi è online sul sito.

L’esatto luogo, giorno e orario del primo incontro vi sarà comunicato dai vostri responsabili di  gruppo.

Perchè abbiamo i gruppi in casa e come funzionano?

Leggendo Matt 28:18-20 e Atti 2:42-47 possiamo capire come lo scopo principale della nostra chiesa è quello di proclamare e mostrare alla città di Firenze chi è Gesù: crediamo che formare dei gruppi in casa dislocati nei vari quartieri possa avere un ruolo chiave per la realizzazione di questo scopo.

Abbiamo spesso usato il termine “cellula” come illustrazione dei piccoli gruppi che insieme compongono il corpo di Cristo, la Chiesa. Non è una nostra invenzione, comunità di ogni nazione e denominazione hanno, da tanti anni, scoperto ed utilizzato questa intuizione con grande beneficio.

Il gruppo in casa è pensato come un luogo dove c’è spazio per la comunione, la crescita personale e dove si accoglie chi è nuovo nella fede.
Nel gruppo si condivide la vita con gli altri. Lì ognuno ha la possibilità di essere preso in considerazione e ascoltato. Ognuno ha la possibilità di scoprire la Bibbia e il suo messaggio di salvezza per poi scoprire i doni che lo Spirito Santo ha messo nella sua vita e imparare a usarli per il bene del gruppo, ma anche del “corpo”, la nostra comunità.

Abbiamo pensato ad una struttura e una forma ben precisa per le nostre “cellule”. Pensiamo che sia importante che tutte abbiano lo stesso “DNA”, fermo restando che poi ognuna si svilupperà partendo dalla propria situazione unica.

Prima di tutto i nostri gruppi in casa hanno in comune il fatto di incontrarsi in modo regolare in casa di uno dei membri o in un altro ambiente che comunque sia vicino il più possibile ai membri. L’incontro avviene in un giorno e a un’ora che i membri decidono di comune accordo e l’incontro dura almeno 1 ora e mezza. Quello che caratterizza il gruppo è l’ambiente che si crea in cui le persone vengono formate per diventare discepoli di Gesù. In questo modo la visione della chiesa viene integrata e compiuta tramite e nei gruppi in casa.

Nel leggere la Bibbia usiamo un metodo induttivo che aiuta la condivisione e partecipazione di tutti:

  • Osservare >> Cosa dice il testo
  • Interpretare >> Cerchiamo le risposte nel testo
  • Individuare >> Cerchiamo il versetto chiave
  • Applicare >> Come applichiamo alla nostra vita le risposte che abbiamo trovato?

Questo anno leggeremo insieme l’ultima parte del vangelo di Matteo!

Invito Nel Creato Con Creatività
, ,

Nel Creato Con Creatività – Sabato 23 settembre ore 18.00

La Bibbia inizia col racconto di Dio che crea, che si sofferma a guardare il Suo operato e si compiace. La creazione ancora oggi dichiara la Sua esistenza, una creazione che, se pur in difficoltà, porta un indicibile varietà di specie e di fantasie che danno voce alla Sua personalità, ed danno gloria al Suo Creatore. L’uomo stesso è stato parte di questo progetto, usufruisce della creazione e a sua volta esprime il proprio “senso di creatività” nella vita quotidiana attraverso i propri talenti, le proprie inclinazioni.
Ecco il fil rouge che lega questa giornata che pone al centro Dio Creatore e la relazione con la creatura che, a sua volta attraverso l’arte,  esprime la propria creatività.
È una giornata all’insegna della lode a Dio, espressa in varie forme e mezzi. Ci sarà anche il tempo per assaporare l’arte culinaria e la convivialità.

Venite numerosi e invitate i vostri amici!

Scarica e stampa l’invito all’evento da distribuire ai tuoi amici!

Ecco tutte le informazioni!

Volantino della Festa del dono 2017
, ,

Eventi interessanti in città: Festa del dono e Mostra sulla Riforma Radicale

Il primo è sabato 16 settembre: L’annuale Festa del Dono presso il giardino de “Il Gignoro”.

Volantino della Festa del dono 2017Liberiamoci dal dominio del denaro riscoprendo spazi e tempi di condivisione “gratuita”

Programma:

  • Letture bibliche e musica a tema
  • Laboratori e attività varie offerte in dono da singoli e associazioni per tutte le età
  • Mercatino dello scambio e del dono
  • Raccolta alimenti confezionati non deperibili per l’associazione Ronda della Carità
  • Merenda

Ecco tutte le informazioni!

Il secondo dura una settimana dal 17 al 24 settembre: Mostra sulla Riforma Radicale.

Invito Mostra sulla riforma radicale - settembre 2017Orari di apertura:
Ogni giorno h. 10,30-12,30 e h. 17,00-19,00

Domenica 17 settembre 2017
ore 10,30 | Culto di apertura con la predicazione del past. avventista Saverio Scuccimarri

sabato 23 settembre 2017
ore 17 | Dibattito sulla Riforma Radicale con Riccardo Burigana e Massimo Rubboli

Ecco tutte le informazioni!

Logo L'arca Teen Challenge
, , , ,

Corso introduttivo al Counseling Cristiano

Nel mese di novembre avremo il piacere di ospitare nei nostri locali il corso introduttivo al counseling cristiano di L’arca Teen Challenge.

Il corso si propone di fornire le basi introduttive di preparazione teorica e pratica per poter comprendere cosa sia l’attività di counseling in ambito cristiano. Al completamento del corso verrà rilasciato un attestato valido per l’accesso ai corsi di formazione avanzata (Livello 2), utili per la richiesta di accreditamento come Counsellor Cristiano da parte dell’ACC.

Abbiamo richiesto questo corso prima di tutto come un momento di formazione per i membri che hanno responsabilità nella nostra comunità o che semplicemente sentono un peso e un dono per la cura pastorale.

E’ con molto piacere che invitiamo partecipanti anche da altre chiese di Firenze e in Italia per condividere insieme questa esperienza.

INFORMAZIONI

  • Contributo spese per il corso: 130 euro per iscrizioni entro il 29 ottobre. Oltre tale date 150 euro.
  • Informazioni sul contenuto del corso al link Percorso di Formazione CC1
  • Data:
    11-12 novembre 2017 (prima parte)
    18-19 novembre 2017 (seconda parte)
  • Orario:
    sabato 9.00-18.00 con pausa pranzo
    domenica 09.00-18.00 con pausa pranzo
  • Indirizzo: Chiesa Evangelica, via Vigna Vecchia 15, Firenze
  • Persona di riferimento per i partecipanti esterni, per pernottamenti e logistica: Laura Biagioli (lalla.biagioli@libero.it) o Johan Soderkvist (corrispondente@vignavecchia.org)

Per informazioni sul corso e pagamenti si deve fare riferimento a:

L’arca Teen Challenge http://www.teenchallenge.it/event-items/firenze-corso-introduttivo-al-counseling-cristiano/

Per altre informazioni fare riferimento al consiglio di chiesa: consiglio@vignavecchia.org.

Spiaggia estiva con fiori

Un bentornato a tutti! Ora si riparte…

L’estate è finita!

“Purtroppo” dirà qualcuno perché significa che tutti sono rientrati a casa dopo vacanze più o meno lunghe. “Bello!” diranno altri perché significa che ripartiamo con le attività della nostra comunità.

Potete cominciare a prendere visione degl’appuntamenti di settembre e nello stesso tempo familiarizzare con il nuovo sito che da adesso informerà su chi siamo e cosa facciamo.

In particolare non perdetevi la prima domenica comunitaria che avremo insieme che sarà il 10 settembre: culto, pranzo al sacco e poi lo studio introduttivo alla 1 lettera ai Corinzi.

Gesù bambino in una mangiatoia

Il natale è alle porte…

Anche quest’anno pare che le vetrine e i negozi si siano “portati avanti” con gli addobbi e le idee regalo.

La neve artificiale scoppiata dai cannoni si contrappone drasticamente ai 25 °C esterni, che facevano ben sperare nel ritorno di un’estate troppo corta.

Ma cosa esattamente accade in queste settimane che precedono il Natale?

Una festività che coinvolge tutti, grandi e piccoli, credenti e agnostici, italiani e stranieri, …

Una festività in cui nascono iniziative di solidarietà, in cui si auspica tutto l’impegno possibile nei dialoghi per la pace, sia essa domestica che internazionale …

… insomma una festività in cui, come spesso si suole dire, siamo tutti più buoni.

Non volendo svalutare tutti questi aspetti che provengono dalle nostre sensibilità e che hanno realmente “del buono”, resta il fatto che essi non incidono minimamente sulla nostra situazione spirituale, quella che riguarda la parte più intima di noi, quella cioè che ha a che fare con l’anima.

Ed è così che la rilettura del senso del Natale va assottigliandosi via via con atti e parole che abbracciano sia nobili ideali che atti consumistici.

Ma quanto resta di quel bambino che nasce , come profugo, e che non rispecchia i canoni del vincente, che anzi sovverte le aspettative e che dichiarerà “Io sono la via , la Verità e la Vita”?

Quanto resta di quel bambino che parla di un Padre che ama ogni persona in modo individuale e che desidera avere una relazione personale con ognuno, e che, per ciò, non necessita di nessun altro filtro o mediatore se non quello della croce che, nel tempo della morte, ha “abitato” proprio quel bambino posto in una mangiatoia, in terra straniera?

Il Natale è il tempo in cui ricordiamo che il Dono ci è stato fatto, che l’Amore è divenuto carne e ha abitato in mezzo a noi, che ci ha indicato la Via da intraprendere, ci ha raccontato la Verità su noi stessi e sull’amore del Padre, donandoci la Vita.

Solo così è possibile capire che quel bambino che nasce a Natale è la sola chiave di accesso al Padre: nei nostri rapporti con Dio, cioè, non possiamo né guadagnare né meritare nulla. Ed è proprio l’ammissione della nostra indigenza spirituale che permette a Dio di raggiungerci in Verità e speranza, dandoci la certezza che il Dono ora appartiene a noi personalmente. Resta dunque una questione di scelta, personale e non procrastinabile.

Gesù bambino in una mangiatoia

La vera notizia è che se ne parli ancora dopo più di 2000 anni…

Gesù, un nome come tanti al tempo, figlio di un carpentiere di Nazareth, nato in una stalla e praticamente sconosciuto fino ai trent’anni, inizia a predicare e in tre anni sconvolge il mondo. In bene o in male?

I suoi concittadini lo guardano con sospetto – Da Nazareth può mai venire qualcosa di buono?- molti rimangono stupiti dalla sua autorità e moltissimi cercano di farsi guarire.

Ma definirlo non è semplice perché se ascoltiamo bene le sue parole, ci mette davanti ad una scelta radicale: imbroglione o Figlio di Dio? Profeta ebreo o Messia, cioè colui che viene a salvare? L’attesa di un salvatore, una promessa che riguardava il popolo d’Israele, è diventata un evento dalle proporzioni mondiali. Il figlio del falegname afferma di essere morto e risorto per il mondo. Non solo morto (ed è anche difficile da dimostrare archeologicamente), ma anche risorto!!!

Unica porta, scala, via per arrivare a Dio; pane di vita, luce del mondo: certo non sono definizioni molto accomodanti, di compromesso.

Con Gesù le mezze dichiarazioni non funzionano.

Se è stato un uomo buono, un maestro di vita, ha detto cose molto scomode e radicali: Chi vorrà salvare la sua vita, la perderà; ma chi avrà perduto la propria vita per amor mio, la salverà.

Se è stato un profeta come un altro, un guaritore itinerante: perché la sua memoria ci interroga ancora?

Perché i suoi seguaci hanno percorso il mondo con un annuncio chiamato la Buona Notizia?

Perché insistono a leggere e rileggere un libro antico come la Bibbia?

Certo non possiamo dimenticare l’impatto storico e politico del cristianesimo, che diventa religione di stato dell’Impero romano. Dobbiamo raccontare dei secoli che hanno visto la chiesa diventare sempre più forte e potente, capace di creare ed imporre la sua cultura religiosa. Dobbiamo parlare di chi ha tradito e tradisce il messaggio della Buona Notizia.

Eppure le parole del Cristo sopravvivono alla fine degli imperi e alle rivoluzioni, ai secoli intolleranti e al generale disinteresse del mondo moderno, arrivando fino a noi.

E Gesù di Nazareth ci domanda ancora oggi: E voi chi dite che io sia?